Rofrano il comune più povero

Prodotti 26.180 euro per famiglia nel 2005. Castelfranco in Miscano la realtà più povera

Com'è distribuita la ricchezza in Italia? E, in un'ottica più stretta, com'è distribuita la ricchezza in una provincia come Benevento? Per dare una risposta si può fare affidamento sull'analisi della distribuzione dell'imponibile Irpef (l'imposta sui redditi delle persone fisiche che, fissando il reddito imponibile, individua qualsiasi tipo di flusso finanziario oggetto di imposta sui redditi), analisi curata dal Centro studi Sintesi e centrata sulle denunce fiscali relative al 2002 e 'aggiornate' al 2005 con l'indice dei prezzi al consumo dell'Istat.
Ebbene, dati alla mano, se si considera il territorio sannita, la 'maglia rosa' e la 'maglia nera' sono così assegnate, tenendo presente, come detto, l'imponibile Irpef medio: il Comune di Benevento è quello più ricco, con 26.180 euro per famiglia nel 2005, mentre il Comune di Castelfranco in Miscano è quello più povero, con soli 7.804 euro per famiglia nel 2005.
Anche i dati di una piccola provincia come quella sannita, però, meritano di essere confrontati con quelli più complessivi raccolti nelle diverse realtà dell'Italia, che, per la cronaca, vede primeggiare il Comune di Basiglio, in provincia di Milano, con 66.047 euro per famiglia nel 2005.
Qual è, allora, la situazione di Benevento, come singolo Comune, nel contesto nazionale? Prendendo in considerazione le realtà più ricche delle diverse province, solo quindici Comuni vantano un reddito più basso rispetto a quello prodotto dalle famiglie di Benevento. E si tratta, quasi completamente, di realtà meridionali: per intenderci, Agrigento, Brindisi, Caltanissetta, Catanzaro, Crotone, Enna, Foggia, Gaeta, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa ed Erice (provincia di Trapani). Unica eccezione, Carrara.
Se, poi, si osserva l'altra faccia dell'Italia, ovvero le realtà più povere, la rappresentanza sannita, Castelfranco in Miscano, si piazza male in classifica: redditi più bassi vengono prodotti, sempre cifre alla mano, in soli altri tredici paesi, compreso Gurro (provincia di Verbano), ultimo in assoluto con appena 4.352 euro per famiglia nel 2005.
Significati diversi si possono attribuire ai confronti regionali. Da questo punto di vista, la Campania si segnala per un livello di reddito relativamente basso: 502 Comuni arrivano a 20.000 euro, 47 Comuni si attestano tra 20.000 e 30.000 euro, solo 2 Comuni superano i 30.000. Tra questi, il più ricco in assoluto è il Comune di Caserta, con 30.862 euro. Dall'altro lato, il più povero è il Comune di Rofrano (provincia di Salerno), con 6.901 euro, appena 900 euro in meno rispetto a Castelfranco in Miscano.

fonte http://www.ilsannioquotidiano.it
 
 
  • Ultimo aggiornamento il .

La natura non è un posto da visitare è casa nostra !

Conto alla rovescia per i primi 10 anni di Tele Rofrano

Giorni
:
Ore
:
Minutu
:
Secondi
Nello Stato Italiano non sussiste alcun obbligo di registrazione per i blog amatoriali in quanto questi sono un espressione delle libertà riconosciute dalla Carta Costituzionale art.4 c.2 e art. 21 c.1., Cass. sent. n. 31022/2015, Tar Lazio, sent. n. 9841/17 . Per alcuni strumenti di questo blog non sono applicativi filtri preventivi leggi informativa Le opere elaborate dagli autori di Tele Rofrano sono distribuite con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia. Per ogni richiesta di elaborazione di contenuti di terze parti è necessario contattare i rispettivi autori. Eventuali richieste di rettifica o eliminazione di contenuti anche per errore e/o distrazione inseriti nel blog è possibile scrivere ai contatti di posta elettronica sotto indicati. L'utente che utilizza le informazioni contenute nel blog è invitato a verificarne l'esattezza o al confronto con altre fonti. Per eventuali segnalazioni e comunicazioni importanti scrivere all'indirizzo di posta elettronica certifica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , posta elettronica ordinaria Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo...