Rusina e la Carusedda: storia di grano e di Ciucci !

Il titolo del libro dal quale è tratto il pezzo che vi propongo per la lettura è intitolato ATTACCA U’ PADRONE ADDO’ VOLE-A U’ CIUCCIO di Angelo Avagliano. Nel libro Angelo fà una breve introduzione si se e di come sia approdato a Pruno per poi portarci alla riscoperta della ruralità e regalarci un documento prezioso sotto molti aspetti...

È possibile scaricare il libro in pdf anche da qui oppure dal sito web TEMPA DEL FICO 

Era il ’43, e in tutte le campagne del sud c’era la miseria, la carestia, la fame , la guerra..

Zi Angelo, u’ sinnaco re Pruno, tornava da Laurino con il suo ciuccio.

 Cappella di S. Elena a Gorgonero, Scanno del tesoro, u Chiano r’a funtana, la Grava di Vesalo, u’Chiano r’a Cappella e finalmente la Croce di Pruno. Prima che con gli

occhi ingannati dalla neglia, zi Angelo s’accorse dell’aria di casa con il naso: dal valico che immette nella valle di Pruno, arrivava a rassicurare il cuore, il profumo

del pane di granurinio che cuoceva avvolto nelle fronne di verza.

Ad annasare meglio, zi Angelo sentiva anche l’odore acre del fumo della legna di fringo, con la quale le donne del Feo cuocevano il pane nei loro forni fatti con le

grastole di irmicio.

E si sentiva pure l’odore del pane fatto con il grano carusedda, mescolato con il jurmano.

A Pruno, Horreum di Rofrano Vetere, anche in quell’anno il grano era cresciuto e le spighe si erano riempite fino a piegare a terra l’alta paglia. Zi Peppe era stato attento

a mietere il grano al momento giusto, per non farlo jettare dalla pioggia o da una tempestata del Salerno o ru viento ca vene ra Menzana.

Quell’anno, parecchia gente veniva da tutti i pizzi per chiedere ai contadini di Pruno un po’ di grano per fare il pane per i propri figli.

Portavano in cambio, castagne, alici salate, olio, fichi secchi e pannucci, a seconda della loro provenienza.

Arrivavano da Palinuro, da Camerota, da Laurito, da Celle, da Torre, da Salerno.

Da Salerno venivano i signori con i soldi e volevano cambiare carta con grano. I

Prunesi non erano contenti di questo baratto, però per ospitalità e umanità, non facevano tornare a casa nessuno a mani vuote; certo preferivano le castagne, l’olio,

le alici salate, i copertoni vecchi di automobili per fare i zambitti.

 

Continua a leggere dal libro

angelo, avagliano, pruno

  • Ultimo aggiornamento il .

La natura non è un posto da visitare è casa nostra !

Conto alla rovescia per i primi 10 anni di Tele Rofrano

Giorni
:
Ore
:
Minutu
:
Secondi
Nello Stato Italiano non sussiste alcun obbligo di registrazione per i blog amatoriali in quanto questi sono un espressione delle libertà riconosciute dalla Carta Costituzionale art.4 c.2 e art. 21 c.1., Cass. sent. n. 31022/2015, Tar Lazio, sent. n. 9841/17 . Per alcuni strumenti di questo blog non sono applicativi filtri preventivi leggi informativa Le opere elaborate dagli autori di Tele Rofrano sono distribuite con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia. Per ogni richiesta di elaborazione di contenuti di terze parti è necessario contattare i rispettivi autori. Eventuali richieste di rettifica o eliminazione di contenuti anche per errore e/o distrazione inseriti nel blog è possibile scrivere ai contatti di posta elettronica sotto indicati. L'utente che utilizza le informazioni contenute nel blog è invitato a verificarne l'esattezza o al confronto con altre fonti. Per eventuali segnalazioni e comunicazioni importanti scrivere all'indirizzo di posta elettronica certifica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , posta elettronica ordinaria Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo...