A Rofrano, nel cuore della cultura alimentare cilentana

Nell’anno in cui l’Italia ospita l’Esposizione Universale sull’alimentazione e la nutrizione ci piace l’idea di andarcene avòita pensando alla cultura alimentare cilentana.

 Testi e foto di Raffaele Lia

La Dieta Mediterranea è oggi patrimonio dell’UNESCO grazie agli studi che Ancel Keys ha portato avanti a Pollica. Ma è dagli anni cinquanta che le abitudini alimentari cilentane sono oggetto di interesse. Proprio a Rofrano, nel 1954, l’equipe del professore Cresta, dell’università La Sapienza di Roma, portò avanti il primo studio scientifico sulle abitudini alimentari e lo stile di vita dei borghi dell’entroterra.

Nonostante le condizioni disagiate e l’impossibilità di condurre un’alimentazione completa a causa delle scarse risorse economiche, già allora gli studi mostravano le potenzialità delle abitudini alimentari cilentane. Negli anni ’80 ed ancora nel 1995 il professore Cresta tornò a Rofrano e a Laurito certificando quanto i primi studi degli anni ’50 lasciavano intravedere. Con il miglioramento delle condizioni economiche e la possibilità di introdurre nel quotidiano alimenti che prima scarseggiavano, la nostra dieta era diventata un modello, quel modello che oggi il mondo ci riconosce.

Conoscendo quanto Rofrano sia stato importante per la storia del nostro territorio sarà ancora più bello spingerci alla scoperta delle sue bellezze.

Per raggiungere Rofrano percorriamo la Strada Provinciale 18/a che taglia in due l’abitato. La prima sosta la facciamo di fronte allo stupendo Palazzo Baronale che costeggia la strada e proseguiamo puntando dritti verso il cuore del borgo.

Il nostro tour parte dalla piazzetta centrale sulla quale domina la Chiesa di Santa Maria degli Angeli con la sua torre campanaria che ospita una bellissima meridiana in ceramica. Questo è il luogo di ritrovo che accoglie tutti i viandanti che passano per Rofrano facendo da porta d’ingresso al centro storico del paese.

Attraversiamo con piacere questa porta per immergerci nei vicoletti. scendiamo lungo la strada alla ricerca della Chiesa di San Nicola che si trova nella parte bassa del centro storico. Il suo campanile arabeggiante è ben riconoscibile e svetta sui comignoli fumanti che lo circondano.

Diamo uno sguardo al panorama che si gode da quest’angolo del borgo godendo dei bellissimi orti che arredano i dintorni del paese e riprendiamo il nostro cammino seguendo il percorso delle tre porte, che proteggevano in passato il borgo.

Questa via ci conduce nella parte alta del paese passando attraverso la stupenda porta Sant’Antuono.

Fonte e news completa: http://www.cilentoemenevanto.com/rofrano-nel-cuore-della-cultura-alimentare-cilentana/#!prettyPhoto

rofrano, cucina, dieta, mediterranea

  • Ultimo aggiornamento il .

La natura non è un posto da visitare è casa nostra !

Conto alla rovescia per i primi 10 anni di Tele Rofrano

Giorni
:
Ore
:
Minutu
:
Secondi
Nello Stato Italiano non sussiste alcun obbligo di registrazione per i blog amatoriali in quanto questi sono un espressione delle libertà riconosciute dalla Carta Costituzionale art.4 c.2 e art. 21 c.1., Cass. sent. n. 31022/2015, Tar Lazio, sent. n. 9841/17 . Per alcuni strumenti di questo blog non sono applicativi filtri preventivi leggi informativa Le opere elaborate dagli autori di Tele Rofrano sono distribuite con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia. Per ogni richiesta di elaborazione di contenuti di terze parti è necessario contattare i rispettivi autori. Eventuali richieste di rettifica o eliminazione di contenuti anche per errore e/o distrazione inseriti nel blog è possibile scrivere ai contatti di posta elettronica sotto indicati. L'utente che utilizza le informazioni contenute nel blog è invitato a verificarne l'esattezza o al confronto con altre fonti. Per eventuali segnalazioni e comunicazioni importanti scrivere all'indirizzo di posta elettronica certifica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , posta elettronica ordinaria Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo...