Rofrano Brigante - storie di brigantaggio

Raccolgo racconti e storie tramandate che qualcuno ancora ricorda o trascritto. Sto realizzando un e-book per ricordare la "resistenza partigiana" che i nostri trisavoli hanno opposto all'invasore piemontese.
Ingannati con promesse di libertà si ritrovarono schiavi di una dittatura e sbeffaggiati da galantuomini cambia casacca.
Fuggivano nelle montagne, non erano ancora emigranti.
Molti furono disciolti nella calce viva, altri arrestati, altri fucilati e chissà quanti mandati al domicilio coatto (deportati al nord).
Inviate i vostri racconti a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .
Chiedete ai vostri nonni, ai vostri genitori a chiunque è di vostra conoscenza.

L'e-book sarà gratuito e sarà scaricabile da questo sito

“Lo Stato italiano è stato una dittatura feroce che ha messo a ferro e a fuoco l’Italia meridionale, squartando, fucilando e seppellendo vivi i contadini poveri che scrittori salariati tentarono di infamare con il marchio di briganti”.

Antonio Gramsci, nel 1920, su Ordine Nuovo








Brehàndi Brehà


 

storie, brigante, brigantaggio, rofrano