Santurario di Santa Maria di Grottaferrata

Si crede comunemente che il santuario, sia stato fondato da San Nilo da Rossano, un monaco basiliano gia fondatore dell’Abbazia greca di Grottaferrata nel Lazio, avvenuta nel X secolo e che, dal 1132 ha giurisdizione anche su Rofrano. Secondo il canonico Ronsini, il piu’ approfondito biografo della storia di Rofrano, San Nilo, avrebbe trovato l’Abbazia gia’ fondata, dal momento che il biografo di San Nilo a sua volta, che cita le altre fondazioni del santo, tace su questa.
In ogni caso nel 2004, mille anni dopo la morte del santo, e’ stato celebrato il gemellaggio tra Rofrano e Grottaferrata.
Il Santuario e’ stato sempre un faro di luce per la comunita’ cristiana rofranese,fin da quando il Re Bizantino Ruggiero, concesse a Leonzio che era abate di Grottaferrata, la chiesa di Santa Maria di Rofrano.
Da quel momento gli Abati di Grottaferrata ebbero la giurisdizione spirituale e civile su Rofrano, tanto che l'abate Nicola II, eletto proprio nel 1131, in una lapide ora conservata nel museo dell'Abbazia, fece scrivere: “Assunsi la carica di egumeno io, Nicola, signore di Grottaferrata e di Rofrano”. E il suo successore, Nicola III, che fu abate dal 1140 al 1153, viene definito rufranites, ossia rofranese, e questo testimonia lo stretto rapporto creatosi tra Grottaferrata e Rofrano. Questo rapporto durò fino alla seconda metà del XV secolo. Infatti, nel 1476, il feudo di Rofrano, tranne la chiesa e il monastero, fu venduto al diplomatico napoletanoAniello Arcamone, per passare poi al conte di Policastro Giovanni Carafa, nel 1490. Questi cacciò i monaci rimasti nel monastero di Rofrano, che trasformò in proprio palazzo e si arrogò la giurisdizione spirituale del paese, nominando un prete come suo vicario.
Questo stato di cose fu risolto dal Commissario Apostolico Silvio Galassi, inviato da Papa Gregorio XIII il quale nel 1583 aggregò Rofrano alla Diocesi di Capaccio (ora di Vallo della Lucania).
Ogni volta che per vicende umane, come l’espulsione dei basiliani dall’abbazia, ad opera del conte di Policastro Carafa, o per eventi naturali come nel 1876 quando, a causa di una frana, che distrusse gran parte del paese dalla contrada piediorti fino alla sommita’ del colle,la chiesa crollo’, il popolo di Rofrano con infiniti sacrifici la La chiesa fu riaperta nel 1919.
Caduta di nuovo in rovina, ne fu avviata la ricostruzione, verosimilmente negli anni “60 dall’arcidiacono Don Modesto Dolce, coadiuvato dal nostro concittadino avv. Dante Di Sevo, fino a quando nel 1988, con un finanziamento da parte del ministero dei beni culturali, i lavori subirono un’accellerazione a cui, diede grande impulso la determinazione di Don Pasquale Allegro che ne segui l’iter fino a quando non fu costretto a lasciare la parrocchia nel 1990.
La chiesa, nelle condizioni attuali, fu riaperta negli anni novanta (?) ed e’ divenuta il centro del culto del popolo rofranese.

Dott. Nicola Raffaele Coviello

rofrano, cilento, Madonna di Grottaferrata, santuario, santa maria, papa gregorio XIII, abati, don pasquale allegro, diocesi, vallo della lucania

  • Ultimo aggiornamento il .

La natura non è un posto da visitare è casa nostra !

Nello Stato Italiano non sussiste alcun obbligo di registrazione per i blog amatoriali in quanto questi sono un espressione delle libertà riconosciute dalla Carta Costituzionale art.4 c.2 e art. 21 c.1., Cass. sent. n. 31022/2015, Tar Lazio, sent. n. 9841/17 . Per alcuni strumenti di questo blog non sono applicativi filtri preventivi leggi informativa Le opere elaborate dagli autori di Tele Rofrano sono distribuite con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia. Per ogni richiesta di elaborazione di contenuti di terze parti è necessario contattare i rispettivi autori. Eventuali richieste di rettifica o eliminazione di contenuti anche per errore e/o distrazione inseriti nel blog è possibile scrivere ai contatti di posta elettronica sotto indicati. L'utente che utilizza le informazioni contenute nel blog è invitato a verificarne l'esattezza o al confronto con altre fonti. Per eventuali segnalazioni e comunicazioni importanti scrivere all'indirizzo di posta elettronica certifica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , posta elettronica ordinaria Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo...