Va sàpi lu “Ruffium”, po’, cchi gghièra,

ca rètte ‘u nòme a ‘stu bbèllu pajìsi,*

ma ‘ a fràna inda ‘u nòme tùu ng’èra,**

ca a li nimìci nni li mmannàu tìsi.

Sèmbe la ggiòia tèninu ‘i ggèndi tùe,

ca sèmbe vànu po’ ppi’ nnumminàta.

Rofrano, ti fài sèmbe na sunàta!

E nun ti fài mangàri na bballàta!***

***

Vai a sapere il “Ruffium” , poi, cos’era,

che diede il nome a questo bel paese,*

ma la frana, nel nome tuo c’era,**

che i nemici tuoi mandò via “dritti”.

Sempre la gioia hanno i tuoi abitanti,

che sempre vanno, poi, per nominata.

Rofrano, ti fai sempre una suonata!

E non ti fai mancare una ballata!***

*Rofrano ha avuto varie evoluzioni del nome a partire da “Ruffium”, il nome che è stato dato alla zona, poi Ruffio, Rufra e infine Rofrano, da terra che frana sotto i nemici, di cui al punto **.

***Rofrano condivide con Alfano la gioia per il ballo e per il canto. I suoi abitanti sono caratterizzati da uno spirito allegro e gioioso.

Ciliéndo: sìmo nùi e n'àte ciéndo (si parla solo dialetto)
foto Giovansky